Arpino Chiesa della Santissima Trinità.

Arpino può vantare circa 100 Chiese e tutte di grande rilievo artistico-storico,  nell’Acropoli di Civitavecchia ve ne sono 4.

IMG_0018 (FILEminimizer)Osservando le mura ciclopiche che circondano l’Acropoli ci si fa trasportare nella storia, queste si possono notare già da lontano e oltrepassando l’Arco Ogivale, (detto ”a sesto acuto” e unico al mondo), subito sulla destra si può ammirare un piccolo gioiello, l’antica Chiesa della Santissima Trinità (o del Santissimo Crocifisso).IMG_0234 (FILEminimizer)

IMG_2022 (FILEminimizer)Questa Chiesa fu fatta costruire nel 1720 dal Prelato Giuseppe Pesce, Maestro e Rettore della Cappella Pontificia, e tutt’oggi è della sua famiglia.
La facciata è molto semplice, come del resto lo è l’interno, purtroppo nei vari anni è stata derubata di vari pezzi di valore.
Entrando in Chiesa, sui laterali in pietra, scolpiti, si possono notare dei simboli Trinitari

IMG_0035 (FILEminimizer) entrando, si trova una targa che ricorda il giorno in cui venne consacrata la Chiesa, il giorno 8 Dicembre 1736 da Mons. Scipione Servale, Vescovo di Sora.

IMG_0088 (FILEminimizer)
L’impianto è a croce greca e si sviluppa su una superficie di 56 mq.

IMG_0041 (FILEminimizer)
Vi è un solo altare, dedicato al Santissimo Crocifisso e dietro in una grande nicchia vi è il simulacro ad Esso dedicato, vi sono rappresentati molti simboli cristiani, quali ad esempio il Padreterno, la Colomba, la Croce, ai suoi piedi a destra c’è la Maddalena e a sinistra un teschio, e tanti altri, poi se si guarda bene si possono notare anche le mura e la Torre dell’Acropoli.

IMG_0042 (FILEminimizer)IMG_0061 (FILEminimizer)IMG_0065 (FILEminimizer)IMG_0067 (FILEminimizer)
Questo gruppo scultoreo in legno fu realizzato a Roma da Michele Stolz (scultore molto conosciuto ad Arpino), al quale venne commissionato dallo stesso Prelato G. Pesce, fu poi benedetto da Benedetto XIII nel 1726. Quest’opera è molto particolare in quanto animata, l’autore fece si che alcuni dei soggetti rappresentati si muovessero e si illuminassero.

IMG_0075 (FILEminimizer)
L’altare è finemente decorato e con al centro lo stemma della famiglia Pesce, sulle pareti laterali vi sono due affreschi rappresentanti a sinistra S. Giuseppe e a destra l’Immacolata Concezione. In alto al centro della Chiesa vi è una cupola dipinta e ai quattro lati rappresentati i quattro evangelisti. Presente anche un organo di autore ignoto, forse del Sec. XVIII.

IMG_0060 (FILEminimizer)IMG_0070 (FILEminimizer)IMG_0083 (FILEminimizer)

Nel mezzo della Chiesa vi è una botola che fu la tomba dei defunti della famiglia Pesce, e dove durante la guerra venivano deposti i morti di peste.

IMG_0106 (FILEminimizer)
Uscendo non si può fare a meno di notare di nuovo la bellezza del posto in cui si è, la Torre di avvistamento, detta ”di Cicerone” è proprio di fronte, come si può vedere dalla foto, nel giorno in cui è stata scattata (15 Giugno) si accendeva il falò

IMG_0102 (FILEminimizer)Ringrazio per le notizie storiche il Prof. Saverio Zarrelli e per aver aperto la Chiesa.

Ricerche dal libro di Rocco De Cesare ”Arpino, la geografia della fede, i segni della storia”, a cura di Saverio Zarrelli, edizioni Istituto Vincenzo Zarrelli. (Archeoclub d’Italia sede di Arpino).

Articolo e foto Gianna Reale Ph.

cliccate su qui per visitare la mia Pagina, vi ringrazio anticipatamente per il mi piace.

cliccare qui per visitare il mio canale YouTube, vi ringrazio anticipatamente se vorrete iscrivervi.

Arpino, 29 Maggio 2020.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...